why is the Paris conference on climate change so important?

 

The 6 FAQ to explain what to this edition of COP21 is all about.

What is the United Nation Conference on Climate Change?

The COP21 – 21st Conference of the Parties – is a summit that will be held in France from 30 November 2015 to 11 December 2015. Ministers and high ranking government officials from more than 190 countries will gather in the city of Le Bourget in order to discuss how to reduce global greenhouse gas emission and how to keep global warming below 2° C. The summit will be preceded by COY11, the 11th Conference of Youth, which will take place from the 26th to the 28th of November. The Conference of Youth is an event held before every Conference of the Parties; this year it is expected to involve thousands of people, with workshops and activities related to climate changes and sustainable living.

COP1

What is the expected outcome of this summit?

The expected outcome of this summit is a binding agreement on climate change, that will be hopefully be signed by all countries and that will last at least a decade. One of the most important goal of the agreement will be to cut greenhouse gas emissions: some countries have already committed to this goal, but even if all countries agree to cut emissions, it will not likely be enough to keep global warming below 2°C, let alone stop it. For this reasons, it was suggested to try and engage “non-state” entities such as cities, local government and private businesses, urging them to do more and cut emissions.

What about the Kyoto Protocol, then?

The Kyoto protocol required each ratifying country to cut its emissions of 5% by 2012, compared to the levels in 1990. It was adopted in 1997, but it could not enter into force until enough countries to represent at least 55% of global emissions had ratified it. Since the USA – then the world’s bigger emitter of greenhouse gas – refused to ratify the treaty and since developing countries were kept out of the protocol and allowed to increase emissions in order to help their economies, it could not come enter into force until 2005, when Russia passed the treaty.

The protocol was originally expected to last until 2012, but the Doha conference held in Qatar in 2012 extended it until 2020. So, in five years there will be absolutely no international agreement on climate change; besides, the world’s bigger emitter of greenhouse gas is now China, which was not included in the Kyoto Protocol.

SOLUTIONS-COP21+labelparis2015_declis

Why is a global agreement on climate change necessary?

Most scientists agree that if we don’t take action to reduce greenhouse gas emissions, global warming will soon become irreversible and it will have catastrophic consequence. If we don’t do anything, temperature will rise about 5°C: while this might seem like a small rise, it is the same difference as the one between today’s world and the last ice age. With a 5°C rise, the ice at the poles will melt and entire cities will be submerged by water. Entire species of animals and plants will die, and the entire human race will be in danger.

From a political point of view, a new treaty will be needed when the Kyoto Protocol will be no longer in effect. In order for the new agreement to be effective, it needs to be ratified by both China and the USA, and it is also important to impose sanctions on countries that will fail to meet the treaty’s requirements; this was not done with the Kyoto Protocol, and this is one of the reasons why it failed to meet its objectives.

Why wasn’t an agreement signed at the Copenhagen UN Climate Change summit in 2009?

While the Copenhagen summit didn’t result in a formal agreement, most countries agreed to limit their greenhouse gas emissions, although not enough to stop global warming. One of the issues that wasn’t resolved was finance: poorer countries need help to invest in clean technologies that will allow them to reduce their emissions, and they want richer countries to give them this help. During the Copenhagen summit, rich countries agreed to a plan which guaranteed financial assistance to poorer countries until 2020, but it was not deemed enough.

Moreover, there are disagreements about the source of the funds that will be used to provide assistance: most countries don’t want, or can’t afford to provide funding based only on their public money. They want international development banks and private donors to provide most of the funding. Finding an agreement on financial matters will likely be one of the main issues that will arise in the summit.

The lungs of Earth

Tree with form of lungs, oxygen for the earth

What will be the key points of the agreement?

In order to be effective, the agreement will have to be universal: this means that it will be signed and ratified to all countries. It must also be ambitious in order to send all countries a clear message: it is now time to transition to a low carbon economy, favoring green fuels and renewable energies. It must also be balanced between mitigation and adaptation, giving all countries enough resources to meet the requirements, and flexible in order to be suitable for both big and small nations, developed and developing countries. Finally, it must be sustainable and dynamic, with long-term goals and periodic reviews in order to strengthen its action.

What can we do to team up and show the world we care?

People, companies, movements are more and more gathering up to raise awareness on the importance of respecting our planet through a range of different actions. U-earth biotechnologies has launched a campaign for Air Quality standards to be raised to the highest possible levels, and provided Pure Air Zones in public spaces for everyones minimal exposure to air pollution. The campaign’s video #iwantpureair is below for you to see and share. Thank you.

#iwantpureair video

#iwantpureair campaign video

 

 

Aria pulita migliora la qualità del lavoro

In ufficio la qualità dell’aria aumenta il rendimento dei lavoratori.
A dimostrarlo è unno studio dell’Università di Harvard, pubblicato sull’Environmental Health Perspective. Lavorare in un ambiente con una buona qualità dell’aria aumenta le performance cognitive. Ambienti ben arieggiati, bassi livelli di CO2 e di inquinamento degli spazi chiusi permettono di ottenere punteggi migliori nelle funzioni cognitive rispetto a quelli conseguiti da chi sta in uffici ‘meno green’, con livelli di inquinamento e CO2 considerati standard.
office1Gli studiosi hanno voluto studiare l’impatto dell’aerazione della stanza, di prodotti chimici e CO2 sulla funzione cognitiva dei lavoratori: questo perché i nuovi edifici,pur essendo più efficienti dal punto di vista energetico, sono anche più ‘stagni’ e aumentano così il rischio di una scarsa qualità dell’aria interna.

Lavorare in una Pure Air Zone significa permettere ai propri dipendenti di migliorare le performance a livello cognitivo. Un motivo valissimo per entrare a far parte della nostra community!

Conoscete il Clean Air Act?

A pochi è noto, ma negli Stati Uniti è in vigore il Clean Air Act.
Questa legge, introdotta nel 1970 e modificata più volte, si occupa di fissare la disciplina  sulla qualità dell’aria negli Stati Uniti. In particolar modo, la legge concerne la definizione di standard nazionali di qualità dell’aria per determinati tipi di inquinatni, attraverso l’Environmental Protection Agency (Epa).clea_air_actCiò che colpisce è che le società automobilistiche non sono stata fino a oggi inserite all’iterno della normativa. Dal 1970, anno di emanzione del Clean Air Act, le case che producono automobili non sono soggette alla giustizia penale per scandali di natura ambientale.

 

Ozono, metano, particolato carbonioso: i killer dell’aria

L’ultimo rapporto stilato dall’OMS parla chiaro. Sono tre i killer provenienti dall’aria: ozono, metano e particolato carbonioso, che è parte delle polveri sottili.
Ogni anno questi agenti inquinanti causano la morte di 7 milioni di persone nel mondo e costituiscono uno dei principali fattori di surriscaldamento globale.
“Ogni giorno queste sostanze minacciano la salute di uomini, donne e bambini – spiega Flavia Bustreo, assistente direttore generale dell’Oms -. Per la prima volta è stato compilato un rapporto  che raccomanda le azioni che stati, ministri della Salute e dell’Ambiente e città possono intraprendere per ridurre le emissioni, proteggere la salute ed evitare morti e malattie.
vecchia_stufaLe azioni sono tese a ridurre le emissioni dei veicoli, a mettere in campo politiche e investimenti che incentivino l’utilizzo di mezzi pubblici e che proteggano pedoni e ciclisti, a fornire mezzi alternativi per cucinare ai 2,8 miliardi di persone che nei paesi a basso reddito dipendono da stufe a legna o a carbone e a incoraggiare lo spostamento verso una dieta basata sulle piante e non sulla carne, per ridurre le emissioni di metano legate agli allevamenti.

Pure Air Zone permette di vivere in un ambiente interno dove l’aria è pulita, purificata e sana, come quella che si respira in alta montagna.

In Emilia Romagna viene attivato il Pair

Buone notizie dall’Emilia Romagna: è stato reso attivo il Pair, il Piano della Regione per combattere l’inquinamento. Sulla base dei limiti di sicurezza per quanto riguarda gli agenti inquinanti, la Regione ha preso in considerazione quanto stabilito dall’Unione Europea, ha deciso di mettere a punto dei piani efficaci per riabbassare il livello dell’inquinamento entro il 2020. Al momento infatti la Pianura Padana detiene il triste bollino rosso.
img_pair

L’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro ha dichiarato che il particolato atmosferico è causa diretta di cancro al polmone.

Ecco il video dell’Anci che spiega il Pair:

Si può fare molto per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo ogni giorno: venite a conoscere Pure Air Zone.

Quando il pericolo si nasconde in ciò che inaliamo: cos’è la formaldeide?

La formaldeide o aldeide formica, la cui formula chimica è CH2O, è un composto chimico appartenente ai composti organici volatili. Nel 2004 è stata inserita dall’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro nel gruppo dei cancerogeni con cui l’uomo può entrare in contatto per inalazione.

formaldeideDove viene usata
La formaldeide viene impiegata soprattutto in ambito industriale: nell’industria chimica serve per mettere a punto differenti composti organici e soprattutto per produrre le resine sintetiche. Può essere rintracciata nei mobili, poiché spesso è impiegata nei materiali da costruzione, come i compensati e i truciolati, nella moquette e nei tendaggi, nei rivestimenti e nei materiali per pulire gli ambienti.
Inoltre la formaldeide è un potente battericida: per tale motivo si trova all’interno di soluzioni acquose nei disinfettanti per uso domestico. Soluzioni di aldeide formica vengono anche utilizzate per conservare campioni di materiale biologico. Un ulteriore impiego è riferibile all’imbalsamazione.

I rischi per l’uomo
La formaldeide è uno dei più diffusi e pericolosi agenti inquinanti degli ambienti interni.
A concentrazioni nell’aria superiori a 0,1 ppm può irritare per inalazione le mucose e gli occhi. L’ingestione o l’esposizione a quantità consistenti sono potenzialmente letali. La cancerogenicità è stata accertata sui roditori, dove la formaldeide provoca un tasso di incidenza di cancro al naso e alla gola superiori al normale; la formaldeide è in grado di interferire con i legami tra DNA e proteine.

Come difendersi
Soprattutto nei luoghi di lavoro in cui la formaldeide è impiegata quotidianamente, è difficile stabilire una condotta adeguata per difendersi da questo agente inquinante.
U-Earth ha elaborato un efficace sistema di depurazione dell’aria che si basa su AirCel e consente l’eliminazione della formaldeide dagli ambienti interni.

Le polveri sottili aumentano le malattie cardiovascolari

L’Organizzazione Mondiale della Sanità parla chiaro: ridurre l’inquinamento dell’aria significa ridurre l’incidenza di malattie come l’ictus, il cancro ai polmoni, i disturbi cardiovascolari e le patologie respiratorie croniche come l’asma.

automobileTra gli agenti inquinanti vi sono le particelle di diametro variabile, solide o liquide disperse nell’atmosfera, indicate come particolato  fine (PM10) o ultrafine (PM2,5, PM1) a seconda del diametro espresso in micron (un milionesimo di millimetro), l’ozono, il diossido d’azoto e il biossido di zolfo. Secondo le Linee Guida dell’Oms una riduzione di particolato da 70 a 20 mg per metro cubo d’aria ridurrebbe il numero di decessi correlati all’inquinamento del 15%.
In un articolo di Humanitas Salute, il dottor Ciccarelli spiega: «Il particolato ultrafine (contenente particelle di diametro inferiore a 2,5 micron), se inalato ad alti tassi, non solo può causare disturbi all’apparato respiratorio ma anche al sistema cardiovascolare. Le strutture alveolari, ove possono giungere le particelle inalate più piccole sono circondate da una fitta rete di capillari: da qui le sostanze possono entrare in circolo nel sangue e, attraverso la circolazione sanguigna, giungere in tutto l’organismo con effetti nocivi».

Il sistema U-Earth consente di eliminare attraverso un efficace sistema di depurazione dell’aria quasi tutti gli agenti inquinanti presenti in un ambiente, compresa la formaldeide e le polveri ultrasottili.

 

Residenze per anziani: che aria tira?

Anziani e qualità dell’aria interna: questo è  l’oggetto di studio di GERIE, pubblicato recentemente sull’European Respiratory Journal. Questa ricerca ha voluto verificare la correlazione tra le malattie respiratorie degli anziani e la qualità dell’aria interna degli ambienti sanitari che sono soliti ospitarli. Sono quindi state prese in esame 50 Rsa in 7 Paesi dell’Unione Europea, Italia compresa, allo scopo di capire quali effetti dannosi produce la qualità dell’aria interna sugli ospiti. Ecco le parole di Giovanni Viegi, coordinatore dell’indagine e direttore dell’Istituto di Biomedicina e Immunologia Molecolare di Palermo: «abbiamo misurato le concentrazioni di polveri inalabili come PM10 e polveri ultrafini come PM0.1, ma anche formaldeide e gas irritanti e inquinanti, ovvero biossido di azoto e ozono – racconta  -. Inoltre, pur non essendo propriamente un inquinante ma un indicatore della qualità dell’aria, abbiamo valutato anche la quantità di anidride carbonica, che tende a salire se gli ambienti sono poco ventilati».CS-SAL07-Effetto-degli-inquinanti-

«Abbiamo osservato ad esempio un’associazione significativa fra formaldeide nell’aria e broncopneumopatia cronica ostruttiva negli ospiti – spiega Viegi -. Alti livelli di PM10 e biossido d’azoto sono connessi a una maggiore incidenza di difficoltà di respiro e tosse, mentre dove c’è molto PM0.1 gli anziani soffrono più spesso di respiro sibilante; PM0.1 e biossido di azoto, infine, sono correlati a una maggior probabilità di ostruzione bronchiale verificata alla spirometria. In caso di ambienti poco o per nulla ventilati, queste associazioni risultano ancora più significative».

Pure Air Zone è una zona di aria pulita. Noi lavoriamo per rendere il mondo un luogo in cui si respira meglio.

Parametri microclimatici e inquinamento indoor: ecco il documento

L’Istituto Superiore di Sanità (Sergio Fuselli) e una serie di esperti nominati  dai Ministeri Salute e Istruzione Università e Ricerca, da altri Enti e Istituti di ricerca, dalle Università e dalle Regioni hanno elaborato un documento dedicato al rapporto tra l’inquinamento indoor e i parametri microclimatici. Attualmente in Italia manca una specifica regolamentazione legislativa sugli aspetti dell’inquinamento dell’aria per gli ambienti indoor.
Con questa definizione si indicano gli ambienti confinati di vita e di lavoro non industriali ), e in particolare, quelli adibiti a dimora, svago, lavoro e trasporto, come: abitazioni, uffici pubblici e privati, strutture comunitarie (ospedali, scuole, caserme, alberghi, banche, ecc.), locali destinati ad attività ricreative e/o sociali (cinema, bar, ristoranti, negozi, strutture sportive, ecc.), mezzi di trasporto pubblici e/o privati (auto, treno, aereo, nave, ecc.).
Il documento riporta un inquadramento dei parametri termo-igrometrici e dei componenti/elementi dell’involucro edilizio di cui tener conto nel monitoraggio dell’aria indoor e un accenno all’influenza dei parametri microclimatici sugli inquinanti chimici e biologici.

inquinamento_indoor_rapportoEcco il link a cui potete accedere per scaricare il documento: Parametri microclimatici e inquinamento indoor

U-Earth si impegna sin dalla sua nascita a fornire un sistema che permetta di respirare aria pure, priva di agenti inquinanti e componenti chimici. Attraverso la corretta depurazione dell’aria, si respira aria sana all’interno di ciascuna delle nostre Pure Air Zone.
Poiché l’aria è un diritto di tutti, Pure Air Zone mette a disposizione lo U-Monitor con cui è possibile monitorre in presa diretta il miglioramento della qualità dell’aria interna e al contempo effettuare un efficace confronto con la situazione precedente l’installazione del sistema AirCel.

In Italia arriva una proposta di legge per l’aria pulita negli edifici pubblici

Aria più pulita in classe e in ufficio?
La qualità dell’aria interna è importante nei luoghi in cui trascorriamo la maggior parte della nostra giornata.
Finalmente anche in Italia arriva una proposta di legge per dotare di aria pulita le scuole di ogni ordine e grado e gli edifici pubblici. A chiederlo è Forza Italia nella persona della Giuseppina Castiello. “Una legge per ‘pulire’ l’aria nelle scuole”, ha dichiarato la deputata, “interessa circa 10 milioni di persone: se si considera una popolazione scolare fino a diciannove anni di età di circa 14 milioni di persone, pari al 25% della popolazione totale, e tenuto conto dell’età scolare obbligatoria, questa cifra si riduce a 10 milioni di persone, includendo l’indotto collegato ai minori in età scolare, agli insegnanti e al personale amministrativo, tecnico ed ausiliario”.

education-548105_640
Nella proposta si stabilisce anche la necessità di istituire presso il Ministero dell’Ambiente una commissione ad hoc, a costo zero per le casse dello Stato, che gestisca le operazioni di certificazione e installazione delle apparecchiature. Regioni ed Enti possono partecipare con risorse proprie al finanziamento dei progetti e devono assicurare il buon funzionamento dei purificatori d’aria che vengono installati.

Pure Air Zone significa esseere una zona dove l’aria interna è pulita, priva di qualsiasi polvere sottile e di agenti inquinanti, compresa la formaldeide.
Attraverso una tecnologia brevettata, è possibile anche verificare l’efficacia del sistema di purificazione d’aria ogni volta che lo si desidera grazie a Umonitor.

In questo modo garantiamo la qualità dell’aria che respirate. Sempre.