Polveri sottili: quello che dovete sapere

Cosa sono le polveri sottili?
Sono particelle solide o liquide di piccole dimensioni che vengono misurate in base al diametro: se questo è superiore ai 30 micron, le polveri sono pesanti e cadono a terra, se il diametro è inferiore ai 10 micron, le polveri rimangono sospese in aria e vengono inalate dall’uomo. Per capirci, le polveri sottili hanno un diametro 30 volte inferiore rispetto a quello di un nostro capello!
Più il diametro diminuisce, maggiore è la possibilità che questi silenziosi killer raggiungano in profondità l’apparato respiratorio dell’uomo. Per questo motivo le polveri al di sotto dei 2,5 micron si depositano addirittura nei nostri polmoni e li inquinano a tutti gli effetti, perché il corpo non ha modo di espellerle.

polveri-polmoni

Qual è la causa?
Le polveri sottili sono dovute principalmente all’inquinamento veicolare e al riscaldamento domestico. Per questo motivo si registra un notevole aumento di questi inquinanti durante la stagione invernale. In Italia purtroppo il limite massimo di polveri sottili stabilito dall’Unione Europea viene superato in numerose zone geografiche.

Quali sono le conseguenze?
La diffusione delle polveri sottili ha numerose conseguenze sia sulla salute dell’uomo sia sulla salute dell’ambiente. Le polveri sottili concorrono all’aumento delle piogge acide, alla rovina di monumenti e opera d’arte, si depositano sia sul manto stradale sia sui campi e sui pascoli, si accumulano nei corsi d’acqua e possono raggiungere le falde acquifere.

One thought on “Polveri sottili: quello che dovete sapere

  1. Pingback: Ozono, metano, particolato carbonioso: i killer dell’aria | pure air zone

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s